Skip to content

Mese: Dicembre 2018

L’anno 2018 per The Settlers

Sono passati quasi quattro mesi da quando abbiamo annunciato The Settlers al gamescom di Colonia e, wow, sono stati 4 mesi veramente impegnativi ed entusiasmanti.
Con l’anno che volge al termine, vogliamo approfittare di questa opportunità per ricapitolare quanto è successo finora e dare un piccolo assaggio di cosa succederà l’anno prossimo.

ANNUNCIO E GAMESCOM

Il 21 agosto, il grande giorno: il creatore di The Settlers Volker Wertich e l’amministratore delegato di Blue Byte Benedikt Grindel non solo hanno annunciato la ristampa di The Settlers 1-7, celebrando il 25º anniversario della serie, ma hanno anche rivelato qualcosa di completamente inaspettato: un nuovo gioco di The Settlers.

E per tutti i partecipanti al gamescom abbiamo presentato il primo gameplay live di una versione Alpha in una presentazione automatica presso l’Ubisoft Business Center e l’Ubisoft Lounge.

THE SETTLERS ALLIANCE E LE PRIME FAQ

In concomitanza degli annunci abbiamo lanciato The Settlers Alliance, ovvero… beh, il posto nel quale state leggendo in questo momento. Abbiamo iniziato fornendo alcune prime informazioni sui nuovi The Settlers [LINK] e sulle The Settlers History Edition pubblicate il 15 novembre [LINK].

Avendo ricevuto molte domande e feedback durante e dopo il gamescom, ci siamo seduti insieme a Volker Wertich e abbiamo ottenuto alcune risposte ai quesiti più urgenti, che abbiamo poi pubblicato in due FAQ separate. [FAQ #1] [FAQ #2]
Dopodiché, abbiamo iniziato con articoli su argomenti specifici riguardanti i nuovi The Settlers. Ricapitoliamo ciò che abbiamo rivelato finora:

WYSIWYG – Quello che vedi è quello che ottieni

Cosa fa di The Settlers un gioco di The Settlers? Uno degli elementi chiave che abbiamo identificato era il “WYSIWYG“: tutto ciò che accade nel gioco viene visualizzato. Questo significa, per esempio, che si può osservare il ciclo di vita di un albero dall’inizio alla fine, dall’alberello alla tavola lavorata.

Il capo designer del gioco, Christian Hagedorn, lo descrive così:
L’obiettivo del WYSIWYG è rendere i giocatori in grado di capire, senza indicatori, di cosa tratta il gioco.

TRASPORTO

Fin dai primi The Settlers, la logistica ha avuto un ruolo centrale e una grande importanza per la vostra economia.

Nel nuovo The Settlers inizierete con i trasportatori che si occupano del trasferimento delle merci anche in assenza di strade. Ovviamente, costruirle accelera il lavoro dei trasportatori, mentre le strade di livello più elevato permettono di usare anche i veicoli. I carretti a mano e i carretti trainati da asini e da buoi possono trasportare più beni contemporaneamente e in seguito saranno fondamentali per garantire un’economia senza intoppi e con consegne tempestive.

SISTEMA ALIMENTARE E DI RESISTENZA

Una cosa importante da tenere a mente quando si inizia una nuova partita in The Settlers è che tutti i lavoratori avranno bisogno di cibo. I lavoratori affamati smetteranno di lavorare fino a quando non saranno riforniti e, secondo il nostro approccio “Quello che vedi è quello che ottieni”, vedrete che:

I coloni prenderanno al mercato tutti i beni necessari per un pasto e torneranno a casa per cucinare un piatto gustoso da consegnare ai lavoratori.
I pasti di alta qualità richiedono più ingredienti, ma forniscono anche maggiore resistenza ai lavoratori, il che significa che possono lavorare più a lungo senza fare un’altra pausa.

I NOSTRI CANALI SUI SOCIAL MEDIA E GLI AGGIORNAMENTI DELLA COMMUNITY

Oltre a questi articoli sul blog, è stato possibile trovare molti più contenuti sulle nostre pagine dei social media:

Da settembre abbiamo pubblicato piccoli teaser su diverse meccaniche di gioco insieme ad alcune immagini. A novembre, fino alla pubblicazione della History Collection, abbiamo fornito alcuni (divertenti) dati sui precedenti titoli di The Settlers.

Ora è dicembre e il nostro evento di Natale è già in corso da un po’. Mancano solo 5 giorni, quindi assicuratevi di darci un’occhiata prima che sia troppo tardi.

E non dimentichiamo gli aggiornamenti della nostra community! Questi articoli sono incentrati su di voi, sulla community: stiamo mettendo in evidenza i creatori di contenuti che stanno trasmettendo le partite di The Settlers, creando video, creando nuove fantastiche mappe o organizzando qualcosa come il Discord per fan “Settlers Wuselworld“. Inoltre vi aggiorniamo su nuovi eventi e interviste con ragazzi come Keralis, uno YouTuber concentrato sui giochi di strategia, gestione e costruzione urbana. Presto avremo ulteriori novità!

Questo significa: se state lavorando su qualsiasi tipo di contenuto che coinvolga The Settlers, che si tratti di video, streaming, fan art, mappe o cosplay (c’è il cosplay di The Settlers? Se non c’è, questa è la vostra occasione!) inviateci un’email a thesettlers-community@ubisoft.com per apparire in un futuro post.

NOVEMBRE DELLE HISTORY EDITION

A novembre abbiamo lasciato riposare i nuovi The Settlers perché avevamo altra qualcos’altro su cui concentrarci:
L’uscita di The Settlers History Edition il 15 novembre!

Questo ha significato anche che avremmo fornito molti contenuti che riguardavano i vecchi giochi di The Settlers:

  • Diversi stream nostalgici sul canale Twitch di Blue Byte con membri della nostra squadra della community
  • Guide e suggerimenti su come iniziare in The Settlers 1-7 e come creare la vostra mappa delle schermaglie
  • Un viaggio nostalgico in due parti attraverso la storia della serie con molti aneddoti raccontati da voi giocatori e veterani della serie [Part #1] [Part #2]
  • Interviste, immagini e altro

Grazie a tutti i vostri feedback successivi alla pubblicazione, siamo stati anche in grado di risolvere alcuni problemi e, nel complesso, di migliorare l’esperienza di The Settlers per tutti. Non abbiamo ancora finito, abbiamo ancora alcune cose sulle quali stiamo lavorando, soprattutto volte a fare felice la community multigiocatore ancora attiva.

PORTO E SISTEMA DELLA POPOLAZIONE

Dopo un novembre nostalgico, ci siamo concentrati nuovamente sul nuovo The Settlers, in particolare su un tema piuttosto importante: la popolazione in The Settlers.

Per ottenere nuovi coloni dovrete costruire un porto. Il vostro capitano del porto salperà quindi verso terre sconosciute e cercherà nuovi coloni disposti a unirsi a voi. Un insediamento prospero sarà in grado di produrre beni speciali come le monete, utilizzate per convincere le persone a unirsi a voi.

Dopo essere arrivati al vostro insediamento, intraprendono diversi ruoli come lavoratore, trasportatore e soldato, distinguibili dai loro vestiti colorati.

AZIONI DIRETTE

Le Azioni Dirette sono una nuova funzionalità di The Settlers e vi consentono di aumentare temporaneamente la produzione o vi aiutano a superare i colli di bottiglia nella vostra economia fino a quando non avrete risolto il problema.

Se i trasportatori rimangono inattivi per un po’, accumulano punti motivazione.
Questi possono essere usati per le Azioni Dirette, per esempio inviare alcuni trasportatori inattivi ad abbattere alberi, raccogliere bacche o estrarre carbone. Inoltre è possibile inviarli a edifici di produzione come la falegnameria, per dare una mano per un po’ e accelerare la produzione di archi.

Bene, questo è stato il 2018 per The Settlers. Sono stati mesi davvero entusiasmanti per noi e siamo estremamente felici di aver ricevuto feedback positivi da parte di tutti voi in questo periodo. Sappiamo che ci sono molte cose che vi incuriosiscono, molte domande senza risposta, ma vi assicuriamo che avremo molte altre cose da condividere nel 2019: altri video di gameplay, dettagli riguardanti i militari e… i playtest? Grazie a tutti per l’ottimo supporto e rimanete sintonizzati per ulteriori informazioni.

Nel frattempo, assicuratevi di non perdere gli ultimi giorni del nostro evento natalizio su Facebook: mancano solo 5 giorni al termine!

Come potete immaginare, la squadra di The Settlers si prende una pausa durante le vacanze, per festeggiare con amici e parenti, e semplicemente per riposarsi un po’. Torneremo per voi all’inizio di gennaio con maggiori dettagli su cosa aspettarci nel 2019.

La squadra di The Settlers

Leave a Comment

[TSHC] Changelog 19 December

The Settlers II History Edition

  • Fixed an issue where the “End of game” windows keeps popping up despite the “Continue game” option is chosen

The Settlers III History Edition

  • Fixed an issue with auto save.
    • The game will now auto save – if enabled in the config menu – in Multiplayer, Singleplayer: Scenario and Campaign.
  • Improved online connectivity by optimizing NAT settings
    • Players had greyed out buttons in Multiplayer sessions even if correct ports (3074 UDP) was forwarded
  • Fixed an issue where the wrong music track was playing in the mission CD Campaign

The Settlers IV History Edition

  • Implemented Map Editor
    • The Map Editor is now accessible via Uplay -> The Settlers IV -> Play
  • Fixed an issue with de-synchronization while playing a multiplayer match against AI

The Settlers Heritage of Kings History Edition

  • Adjusted the key bindings in-game to reflect Uplay Settings

The Settlers Rise of an Empire History Edition

  • Adjusted the key bindings in-game to reflect Uplay Settings
Leave a Comment

[Guide] The Settlers 7 Paths to a Kingdom – History Edition

Oggi ci occuperemo dell’ultimo titolo della History Collection: The Settlers 7!
Questo gioco presenta cicli economici molto più complessi rispetto ai due titoli precedenti e porta un pizzico di innovazione nel mondo di The Settlers con l’utilizzo di settori e punti vittoria.

Città fluviale:
La mappa “Città fluviale” è ideale per iniziare in modo facile il gioco in sé e la campagna.

Scegliete la IA “Countrybumpkin Rupert” con il livello “Facile” per un inizio facile.

Come vedrete, avrete già due settori all’inizio. Questo risolve per un po’ il problema della mancanza di spazio, un problema sempre presente in The Settlers 7.

Iniziamo ora nel primo settore con la classica strategia di partenza: costruiamo una capanna a cui colleghiamo un taglialegna, un guardaboschi e una segheria. Poi serve una seconda capanna per costruire un cacciatore. Averne più di uno è inutile, visto il numero esiguo di animali selvatici presenti nel settore di partenza. Ora impostiamo il cibo nella capanna del cacciatore in “cibo elaborato”, di cui parleremo più avanti nei consigli dell’esperto alla fine di questa guida.

Suggerimento: una volta eretti questi edifici, è consigliabile impostare l’area di lavoro sia per il guardaboschi che per il cacciatore in modo che sappiano dove lavorare.

Successivamente, dovreste costruire un rifugio di montagna con tre cave nel giacimento di pietre. Al contrario del cacciatore, i minatori non sono mai troppi: più ne avete più ottenete.

Per utilizzare le merci del cacciatore, costruite la vostra prima dimora nobile, collegatele due macellai e fornite loro “cibo elaborato”.

Strade e trasportatori:
Sotto al castello c’è un’idilliaca riva del fiume con alcune zone di pesca. Vorremmo usarle, ma prima dobbiamo costruire una via per raggiungerle. Poiché la strada per arrivare all’acqua è molto lunga, dovreste costruire un magazzino a metà strada.

In The Settlers 7, il magazzino ha una funzione molto simile alle bandiere di The Settlers I e II:
I trasportatori si spostano tra di loro, spesso prendendo le merci da un magazzino per portarle a quello successivo. Tuttavia, un magazzino ospita sempre diversi trasportatori (e può essere potenziato in seguito), quindi ve ne serve un numero decisamente inferiore.

Suggerimento: al fine di garantire un’economia efficiente, è meglio costruire sempre i magazzini in mezzo a un settore e al confine tra un settore e l’altro. In settori particolarmente grandi, potrebbero essere necessari più magazzini.

Successivamente è possibile costruire un capanna con tre pescatori nelle zone di pesca. Per mettere in funzione anche la produzione di pane, avete bisogno di 1-2 granai (hanno bisogno di molto spazio per i campi!), un mulino a vento e una panificio.

Più prestigio!
Con l’aiuto del “prestigio” potete sbloccare nuovi edifici in The Settlers 7. All’inizio del gioco, vi mancano due punti Prestigio per arrivare al successivo livello di prestigio. Costruite due oggetti di grande prestigio (hanno bisogno solo di pietre) e potrete sbloccare la vostra prima opzione di prestigio.

Come ricompensa, ora potete scegliere se sbloccare la roccaforte, l’ufficio esportazioni o la chiesa. Questa decisione determina in sostanza su quale ramo economico vi dovrete concentrare in seguito! In questa guida decidiamo in favore della chiesa e la costruiamo in un posto dove abbiamo molto spazio (!). Il vostro secondo settore è la scelta migliore in questo caso.

Perché abbiamo bisogno di così tanto spazio? Potete aggiungere delle estensioni di prestigio ai tre edifici speciali. Sono molto più economiche dei normali oggetti di prestigio, ma hanno bisogno di molto spazio.

Tuttavia, assicuratevi che la costruzione dell’edificio speciale non blocchi il resto dell’economia. Se desiderate modificare l’ordine di costruzione, usate la visuale logistica:

Occupate nuovi settori:
All’inizio avete 10 monete. Potete usarle per reclutare i soldati senza avere le caserme. Assoldate due picchieri e un moschettiere nella taverna e assegnateli al vostro generale.

Con i quattro soldati iniziali, ora avete 7 soldati, sufficienti per conquistare i due settori adiacenti a nord-ovest e sud-est. Con l’aiuto di questi settori, potete estrarre il minerale di ferro e il carbone per lavorarlo da un fonditore. Costruite tre edifici per materie prime. Se optate per una disposizione ben organizzata, lo spazio esistente è sufficiente:

Ricordate di usare i geologi nelle miniere più avanti per ripristinare i giacimenti esauriti!

In primo luogo, utilizzate le materie prime per la costruzione degli strumenti. Dovreste impostare l’opzione di lavoro del fabbricante di attrezzi su “A richiesta”. Altrimenti, vi troverete presto con una sovrapproduzione di strumenti e toglierete le risorse al fabbro.

In generale, ci sono alcuni punti importanti per l’acquisizione dei settori:
• Per la costruzione dei soldati, avete bisogno di armi e oro. Successivamente, diventano importanti i cavalli e le ruote.
• Prima di conquistare un settore, fate attenzione se è difeso da torri.
• Se esplorate la tecnologia dello spionaggio con l’aiuto dei vostri sacerdoti, potete ispezionare le unità avversarie.
• Se usate l’esercito, dovreste assumere al più presto un generale più forte nella taverna e assegnargli i soldati.
• Potete acquisire tutti i settori neutrali anche senza una forza militare. Inviate monaci o mercanti, a seconda del percorso che avete scelto in precedenza.

Consigli dell’esperto:
Un’economia perfetta in Settler 7 significa contare!

In particolare, contando potete ottimizzare la produzione di cibo. Ecco un esempio basato su cacciatore/produzione di salsicce:

Cacciatore:
Nessun cibo -> Produzione: 1x carne
Cibo semplice -> Ingresso: 1x pane; Produzione: 2x carne (fornitura esterna)
Cibo elaborato -> Ingresso: 1x pane; Produzione: 3x carne (auto-fornitura)

Macellaio:
Cibo semplice -> Ingresso: 1x pane; Produzione: 1x salsiccia (fornitura esterna)
Cibo elaborato -> Ingresso: 1x pane; Produzione: 2x salsiccia (auto-fornitura)

Calcolando tutte e sei le combinazioni possibili vedrete che il risultato migliore si ottiene impostando cacciatori e macellai su “cibo elaborato” esattamente come abbiamo fatto nella nostra guida:

Cacciatori e macellai su “cibo elaborato”:
3x carne (produzione) – 1x salsiccia (ingresso) => 3x2x salsiccia (produzione) – 3x salsiccia (ingresso) => Ogni ciclo +2 salsicce!

Per altri edifici di produzione (porcilaia, mulino a vento, fornai, ecc.), tuttavia, la costellazione perfetta è di solito molto diversa. Pertanto, se avete qualche domanda, non esitate a contattare i veterani di The Settlers nel forum o su Discord.

E se VOI siete dei veterani e volete condividere suggerimenti o strategie, aggiungeteli liberamente nella sezione commenti qui sotto, sui forum o su Discord.

Leave a Comment

[Dev] Azioni Dirette

La scorsa settimana abbiamo parlato del sistema della popolazione e di come si ottengono nuovi coloni. A volte questi coloni non sono occupati ed è a questo punto che entrano in gioco le Azioni Dirette: un’altra novità del nuovo The Settlers.
Tenete presente che questa funzione è in fase iniziale, stiamo ancora sperimentando e potrebbero esserci dei cambiamenti in futuro.

Cosa sono le Azioni Dirette?

Le Azioni Dirette sono avviate dal giocatore per potenziare temporaneamente gli edifici di produzione o la raccolta di risorse.

Per eseguire le Azioni Dirette servono un trasportatore inattivo e dei punti motivazione.

Come otteniamo i punti motivazione?

In un mondo perfetto di The Settlers, tutti i trasportatori sono occupati e hanno qualcosa da fare, ma a volte la realtà è diversa. Probabilmente ci sono dei trasportatori inattivi che attendono il loro prossimo incarico. Mentre riposano, questi trasportatori inattivi generano automaticamente i punti motivazione, una riserva aggiuntiva utilizzabile in qualsiasi momento.

Se abbiamo dei trasportatori inattivi e punti motivazione, possiamo eseguire le Azioni Dirette per potenziare la nostra economia. Ci sono vari modi per farlo.

Come si eseguono le Azioni Dirette?

Raccolta delle risorse

Le Azioni Dirette possono essere eseguite su aree forestali, giacimenti di rame, pietra o carbone o qualsiasi altra area in cui sia possibile raccogliere/estrarre le merci. Basta cliccare sulla risorsa che si desidera raccogliere ed eseguire le Azioni Dirette. Ogni Azione Diretta utilizza un punto motivazione e richiede un trasportatore inattivo.

Siete a corto di legname? Cliccate sulla foresta e lasciate che i trasportatori aiutino i taglialegna ad abbattere più alberi. Avete dimenticato di costruire una capanna per i raccoglitori e i lavoratori hanno fame? Inviate i trasportatori a raccogliere alcune bacche.

Se avete abbastanza punti motivazione e trasportatori liberi, potete inviarli a occuparsi di piccoli compiti extra per voi.

Utilizzando le Azioni Dirette potete evitare i colli di bottiglia o garantire che le catene di produzione abbiano merci aggiuntive.

Produzioni:

Potete anche aumentare temporaneamente le produzioni utilizzando le Azioni Dirette. Poiché la produzione di un bene è divisa in più fasi, potete semplicemente inviare i trasportatori ad aiutare gli artigiani che lavorano negli edifici!

Per esempio, diamo un’occhiata alla fonderia. La produzione è suddivisa in più fasi. Un lavoratore usa il carbone per alimentare la fornace e il suo collega aggiunge minerale di ferro. Una volta completato questo passaggio, passano allo stampo. Uno di loro mette la barra di ferro rovente nell’acqua fredda, mentre l’altro aspetta che si raffreddi abbastanza da poterla aggiungere al mucchio in uscita.

Se ora desiderate aumentare la produzione, inviate i trasportatori ad aiutare temporaneamente il processo di fusione con l’aiuto delle Azioni Dirette. Non essendo addestrati per il lavoro principale, gestiranno solo le fasi di trasporto. Tradotto: porteranno il carbone e il minerale di ferro alla fornace e trasporteranno la barra di ferro al mucchio in uscita. Questo rende l’intera produzione più efficiente e veloce.

Ogni edificio prevede un numero diverso di trasportatori aggiuntivi che possono dare una mano nel caso si decida di potenziare la produzione con le Azioni Dirette. Sta a voi decidere (ovviamente in base al numero di punti motivazione e trasportatori inattivi disponibili in quel momento) quanti trasportatori dovrebbero collaborare, fino al massimo consentito dallo specifico edificio coinvolto nel processo.

Quindi, abbiamo dimostrato che i trasportatori non sono utili solo quando trasferiscono materiali e merci da un luogo all’altro. Anche quando non stanno facendo nulla, generano punti motivazione sfruttabili a proprio vantaggio. Mai sottovalutare i trasportatori 🙂

Come userete i trasportatori inattivi? Li utilizzerete per potenziare temporaneamente la produzione o nella raccolta delle risorse? Cosa ne pensate del sistema? Stiamo considerando anche altri modi per utilizzare le Azioni Dirette nel gioco. Avete qualche idea in proposito? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Leave a Comment

[Guide] The Settlers VI – History Edition “La nascita di un impero”

Se avete acquistato recentemente la History Collection o state semplicemente pensando di provare The Settlers 6 – La nascita di un impero, abbiamo la guida giusta per voi! Continuate a leggere per avere una breve panoramica del gioco e alcuni suggerimenti per iniziare.

Noterete alcune differenze rispetto ai giochi precedenti, differenze che richiedono un approccio diverso per la creazione di un insediamento fiorente. Non avrete bisogno solo di materie di base come il legno e la pietra, ma anche di una fornitura regolare di cibo per tutti i coloni, indipendentemente dalla loro professione. Il vostro popolo ha varie esigenze aggiuntive come vestiti, prodotti per la pulizia o l’intrattenimento.

Solo se questi sono soddisfatti potrete sbloccare nuovi edifici e unità militari. Le strade sono importanti per accelerare la consegna dei materiali, e gli aggiornamenti degli edifici aumentano la produttività.

L’espansione si raggiunge conquistando nuovi settori della mappa, settori che possono anche avere risorse non presenti in quello da cui avete iniziato. Questo significherà che una grande parte dell’economia sarà sparpagliata in diversi settori e che dovrà essere tenuta al sicuro dagli assalti nemici.

Diamo un’occhiata in dettaglio ad alcuni argomenti.

L’inizio

All’inizio avete sempre il magazzino, la chiesa e il castello collegati direttamente al mercato. La prima cosa da fare è posizionare due taglialegna per assicurare materiali sufficienti per gli edifici, e cacciatori o pescatori per il rifornimento del cibo di base. I lavoratori consegneranno i prodotti grezzi al magazzino, ma il pesce e la carne dovranno essere trasformati in pesce affumicato e salsicce prima che possano essere consumati dai coloni.

Cercate sulla mappa i simboli di ciascuna risorsa per scoprire cosa potete produrre nel vostro primo settore.

Risolto il rifornimento dei generi alimentari di base, è il momento di affrontare il prossimo bisogno del vostro popolo: l’igiene. Per questo dovrete posizionare un produttore di saponi (che usa la stessa risorsa del macellaio) o di scope (che ha bisogno di legname). Ovviamente è anche possibile posizionare entrambi i tipi di edifici in base al tipo di risorsa e alla quantità disponibile.

Dopodiché, dovreste cercare pietra e ferro e ulteriore spazio per costruire: è tempo di esplorare.

Selezionate il vostro eroe e mandatelo in uno dei settori vicini. Appena vi entrerà, la mappa verrà rivelata e potrete vedere quale tipo di opportunità offre il settore. Se avete trovato quello che cercavate, piazzate una torre tramite il menu nell’angolo in basso a destra (mantenendo selezionato il vostro eroe).

Assicuratevi di collegare questa torre (e in generale tutti gli edifici) con le strade per avere un trasporto più veloce.

Eroi

Quando avete stabilito il vostro insediamento di base ed esplorato un paio di settori per un’ulteriore espansione, è tempo che vi concentriate sui vostri eroi. Non solo sono molto più forti del soldato medio, ma hanno anche un’abilità speciale: per esempio, il commerciante Elias può fornire cibo aggiuntivo, mentre Alandra può curare i coloni malati.

Il vostro eroe vi serve anche per interagire in vari modi col mondo stesso: costruire le torri per conquistare nuovi settori, interagire con i giocatori IA in determinate missioni, o esaminare rovine, miniere e luoghi simili sulla mappa.

Per sbloccare altri edifici e unità dovrete promuovere il vostro eroe, ovvero conferirgli un nuovo titolo. Per farlo dovrete cliccare sul pulsante appena sopra alla minimappa. Lì vedrete quali sono i requisiti del nuovo titolo: un certo numero di coloni, un determinato livello del castello e una quantità sufficiente di un certo bene. Se li soddisfate, potete fare clic sul pulsante appropriato e il vostro eroe e i coloni saranno felici.

Poiché ogni titolo dà accesso a nuovi edifici e prodotti, è fondamentale concentrarsi su questi requisiti fin dall’inizio, per progredire abbastanza velocemente da essere in grado di costruire muri e reclutare soldati.

Strategie avanzate

I nuovi edifici aumenteranno le vostre possibilità e le capacità produttive, ma ricordate che una meccanica di gioco molto importante ruota attorno ai loro miglioramenti. Livelli superiori degli edifici non solo consentiranno il trasferimento di un lavoratore aggiuntivo (e aumentare così la produttività), ma sbloccheranno anche i carrelli, consentendo ai coloni di trasportare le loro merci più velocemente.

Se unite questo a una buona rete stradale e, in seguito, aggiornerete i sentieri di base trasformandoli in strade, vi assicurerete che tutte le risorse raggiungano la città in tempo utile per un’ulteriore lavorazione, che si tratti di delizioso pane, vestiti comodi o spade per l’esercito.

Quando costruite la vostra città e tutti gli edifici di produzione, è importante tenere d’occhio il paesaggio. Assicuratevi di utilizzare tutto lo spazio disponibile e mettete gli edifici correlati vicini tra loro. Dato che in seguito potreste decidere di costruire un muro intorno alla vostra città principale, assicuratevi di scegliere i posti giusti che lo consentiranno.

Esercito e reputazione

E già che ci siamo: l’esercito.

Potete creare spadaccini e arcieri nelle rispettive caserme, oltre a tre diversi tipi di macchine d’assedio. Per funzionare, queste ultime devono essere presidiate da un gruppo di soldati. Tenete presente che potreste dover ottenere un nuovo titolo per il vostro eroe prima di poter accedere al rispettivo edificio.

Maggiore è la reputazione della città (angolo in alto a sinistra), maggiore è la potenza di combattimento dei vostri soldati. Se scende troppo o uno dei vostri edifici principali (castello, chiesa, magazzino) viene distrutto, perdete la partita.

Per aumentare la vostra reputazione, aggiornate gli edifici principali, offrite ai coloni diversi tipi di vestiti, cibo e oggetti decorativi e fornite loro attività speciali come feste, sermoni in chiesa e prodotti rari come sale o tinture.

Gli attacchi nemici, la mancanza di cibo o tasse elevate hanno un impatto negativo sulla vostra reputazione. Pertanto, cercate di avere in magazzino merci sufficienti per soddisfare le esigenze dei coloni e commerciate per mettere le mani su alcune merci rari.

Se tutto questo è troppo teorico per voi e volete esercitarvi un po’ di più, andate a giocare la campagna per giocatore singolo di The Settlers 6, che funge anche da tutorial. Lì vi verranno presentate lentamente tutte le principali meccaniche di gioco.

Avete qualche consiglio che vorreste condividere con gli altri giocatori? O siete nuovi in The Settlers 6 e avete delle domande o bisogno di consigli? Magari state cercando una partita multigiocatore? Parlatene nei commenti.

Leave a Comment

[Dev] Sistema della popolazione

Nei precedenti blog di sviluppo abbiamo parlato del sistema alimentare e di come i residenti si prendono cura dei lavoratori. I veterani della serie potrebbero essersi chiesti: se le case hanno una funzione diversa, come otteniamo nuovi coloni?

Bene, vogliamo rispondere a questa domanda nel post degli sviluppatori di questa settimana. Parleremo del “Porto e del sistema della popolazione” e di tutto ciò che è collegato a esso.

Nel nuovo The Settlers abbiamo diversi tipi di coloni. I nostri lavoratori con le camicie blu si prendono cura della costruzione, della raccolta di risorse e dei materiali di lavorazione. Abbiamo anche i trasportatori, le ragazze e i ragazzi con le camicie bianche, che trasferiscono le merci dal punto A al punto B. Sono le nostre api laboriose.

L’edificio:

Per ottenere nuovi trasportatori, avremo bisogno di costruire un porto. Puoi farlo in riva al mare. Nella prima fase il porto richiede tronchi di conifere come materiale da costruzione.

Una volta costruito l’edificio, il capitano del porto entra nella sua piccola barca e lascia l’isola per dirigersi verso spiagge sconosciute per convincere altri coloni a unirsi al nostro insediamento.

Poiché la barca è piuttosto piccola, solo una manciata di nuovi coloni potrà unirsi a noi.

Anche se i nuovi coloni arrivano sulla nostra isola per lavorare come trasportatori, in seguito è possibile istruirli e addestrarli per fargli assumere ruoli diversi.

Le acque sono agitate e dobbiamo assicurarci che i coloni arrivino sani e salvi. Il nostro capitano del porto non ha solo l’incarico di portare i nuovi coloni sulla nostra isola, ma si occupa anche di usare i tronchi di legno duro per riparare la barca.

Livello popolazione:

Mentre è facile attrarre nuovi coloni in un nuovo insediamento avventuroso su un’isola inesplorata, diventa più difficile quando abbiamo già un livello di popolazione più elevato. Possiamo aumentare le possibilità che le persone si uniscano al nostro insediamento sostenendo quest’idea con delle monete.

Quindi, è tempo di costruire un produttore di monete/zecca. Nella prima fase, possiamo usare il minerale di rame per produrre monete di rame, ma abbiamo deciso di potenziare la nostra zecca e utilizzare il minerale d’argento per produrre monete migliori.

Offrendo monete di valore superiore, aumentano le probabilità di convincere altri coloni. Anche migliorare il porto dovrebbe essere una priorità. Non otterremo solo barche migliori, capaci di caricare più persone, ma avremo anche più lavoratori addetti alle operazioni di carico e alle riparazioni.

Se abbiamo spazio, possiamo costruire più porti e ottenere nuovi coloni più velocemente. I requisiti rimangono gli stessi. Se abbiamo già un numero elevato di coloni nel nostro insediamento, dovremo fornire monete d’oro per garantire che le barche tornino a pieno carico.

Con una semplice opzione possiamo decidere (attivando/disattivando l’edificio) in quale porto/i arrivano gli aiutanti e possiamo anche scegliere quali tipi di monete il porto dovrebbe usare per attirare le persone.

Il gioco offrirà anche altri metodi per ottenere nuovi coloni, ma è ancora troppo presto per rivelarli.

Anche se non abbiamo ancora bisogno di questi coloni, non sono del tutto inutili. Quelli che sono in grado di riposare genereranno punti motivazione. Ma non vogliamo correre: tratteremo questo argomento nel prossimo post degli sviluppatori. 🙂

Cosa ne pensate dei bozzetti? Vi piace il porto e il sistema della popolazione? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

Leave a Comment

[Guide] The Settlers Heritage of Kings – History Edition

A seguito delle guide precedenti, oggi vorremmo presentarvi il mondo di Dario in The Settlers 5.

Come probabilmente avrete già notato, questo gioco presenta alcuni cambiamenti fondamentali rispetto ai precedenti titoli di The Settlers:

  • The Settlers 5 usa un sistema di controllo diretto per le unità, come nei giochi di strategia in tempo reale.
  • I cicli merceologici non sono visibili direttamente nel mondo. Tutte le merci confluiscono automaticamente in una scorta totale e possono inoltre essere duplicate dalle cosiddette raffinerie.
  • In The Settlers 5, non esiste una IA “reale” che costruisce le proprie case e città. Si ha invece a che fare con orde di nemici ricorrenti controllate da script. Pertanto, nelle mappe multigiocatore “pure” si rimane soli in modalità per giocatore singolo.

Il vostro primo insediamento:

Di seguito trovate una breve introduzione alla costruzione del primo insediamento su una mappa per giocatore singolo.
Per iniziare, fate clic su un servo e assegnategli dei compiti. Su molte mappe, prima è necessario costruire il centro del villaggio.
Per farlo, selezionate il servo, cliccate sulla bandiera nel menu di costruzione e poi sul “sito” esistente sulla mappa per costruirvi il centro del villaggio. Potete anche assegnare diversi servi a ciascun cantiere per velocizzare le cose.

Estrazione delle risorse:

Dopo aver costruito il centro del villaggio, potete iniziare a raccogliere le risorse.
I vostri servi possono estrarre le risorse di base come il legno.
Le altre risorse, come l’argilla e la pietra, esistono sia come semplici giacimenti che i servi possono scavare, sia sotto forma di grandi pietre/argilla/… pozzi e cave, sui quali potete costruire delle miniere che estraggono le risorse molto più velocemente di quanto farebbero i servi.

Ora prendete un gruppetto di servi e mandateli ai vicini alberi e ai giacimenti di pietra e argilla. Potete assumere altri servi nel castello (simbolo della mano).

Suggerimento: contrariamente alla maggior parte degli altri giochi RTS, i servi non devono portare le risorse al centro del villaggio. Pertanto, non importa quanto lontano dal centro li inviate! Lo stesso vale per le miniere.

Il primo ciclo merceologico:

The Settlers 5 si basa sulla costruzione di molti mini-cicli. Ogni lavoratore ha bisogno di una residenza per dormire e di una fattoria per mangiare. Ciascuno di questi edifici è sufficiente per diversi artigiani.

Perciò, per continuare, costruite una capanna e una fattoria in uno spazio libero.

Avviso importante: naturalmente, anche il contadino ha bisogno di qualcosa da mangiare e di un posto dove dormire. Perciò, anche lui occupa già un posto in entrambi gli edifici sin dall’inizio.

Ora costruite un’università vicino alla residenza e alla fattoria. Questo è l’edificio più importante all’inizio, perché è lì che potete cercare tutte le altre opzioni di costruzione.

Dopo aver costruito l’università, potete studiare la “costruzione” direttamente lì. Durante la ricerca, diamo un’occhiata a un’importante funzione informativa presente nell’interfaccia:

Questa informazione mostra i posti mancanti per dormire e mangiare nel vostro insediamento. Come potete vedere, l’università ha già bisogno di più posti letto di quanti ne possa offrire una sola capanna.

Tuttavia, potete ignorare questo problema all’inizio: l’unica conseguenza è che la ricerca richiederà un po’ più di tempo. I lavoratori privi di dormitori passano la notte intorno al fuoco e sono meno efficienti.

Se avete trovato una cava di pietra e un pozzo di argilla, costruite una residenza e una fattoria accanto a ciascuno di essi. Dopodiché, costruite le miniere su entrambi. Ricordate che una fattoria offre più spazio per i lavoratori rispetto a una capanna e tenete presente che potrete aggiornare gli edifici in seguito.

Il raffinamento:

La fase successiva è la “lavorazione” delle risorse. In The Settlers 5 potete raffinare le merci: si tratta di una procedura che, semplicemente, le moltiplica.

Per questo la costruzione di una segheria è particolarmente importante perché, a differenza dell’argilla e della pietra, non è possibile estrarre il legno utilizzando una miniera!

Vicino al vostro castello, costruite una segheria con una residenza e una fattoria nelle vicinanze. Gli artigiani che lavorano qui sono i primi a ricevere le merci. Non le ricevono dai boscaioli però, come ci si aspetterebbe, bensì dalla scorta totale. Perciò, gli artigiani prendono le merci direttamente dal castello (e successivamente anche dai magazzini/mercati).

Man mano che progredite nel gioco, potete studiare miglioramenti anche per i combattenti alla segheria (dopo che è stata aggiornata).

  • Principalmente, è possibile aggiornare tutti gli edifici del gioco per sbloccare opzioni aggiuntive od offrire più spazio.
  • Nel corso del gioco, gli aggiornamenti saranno particolarmente importanti per capanne e fattorie.

Quindi, ora avete costruito il vostro primo piccolo insediamento.

I vostri eroi:

I personaggio giocabili hanno un ruolo molto importante in The Settlers 5. Tutti loro possiedono delle abilità speciali che spesso possono determinare l’esito di una battaglia.

Dario, per esempio, può usare il suo falco per esplorare la mappa. Quando l’uccello è in volo, potete attivare una visuale speciale per vedere il mondo attraverso i suoi occhi.

Inoltre, Dario ha anche la capacità di spaventare i suoi nemici e di respingerli per un breve periodo.

Alcuni suggerimenti finali:

  • Dovreste sempre concentrarvi sulla costruzione delle raffinerie, che sono (oltre alla segheria): la capanna dei muratori, quella degli scalpellini e, più avanti, quelle dei fabbri e degli alchimisti.
  • Costruite sempre questi edifici vicino al castello o accanto ai magazzini installati in precedenza per mantenere corti i percorsi.
  • Le orde nemiche vi attaccheranno ripetutamente fino a quando non avrete distrutto i loro accampamenti. Avete quindi bisogno sin dall’inizio di una difesa funzionante basata su torri e soldati.

Avete altri suggerimenti da condividere? Qualche strategia segreta? O magari una guida (video o scritta) per la campagna per giocatore singolo? Condividetela nei commenti per aiutare i nuovi giocatori!

Leave a Comment