Skip to content

[FAQ] Voi chiedete, noi rispondiamo – Parte 1

Abbiamo ricevuto innumerevoli domande dopo il nostro annuncio, e volevamo cogliere l’occasione per rispondere nella nostra categoria “Voi chiedete, noi rispondiamo”. Non importa se avete fatto le domande nell’Ubisoft Lounge o se le avete pubblicate sui nostri forum Ubisoft, su Facebook o qui sul sito di The Settlers Alliance: la nostra squadra era comunque pronta a raccoglierle. Abbiamo chiesto a Volker Wertich, il direttore creativo, di sedersi con noi e rispondere alle domande più pressanti della nostra community.

Tenete a mente che, per le prime FAQ, non mostreremo i nomi poiché abbiamo ricevuto le domande da più utenti. In futuro, vedrete il vostro nome.

D: L’economia è sempre stata molto importante per me. Ho sempre voluto portarla al massimo. Posso costruire delle strade e usare i veicoli per avere un’economia efficiente?

Nel nuovo The Settlers, offriremo svariati tipi di strade e di veicoli. Se un carretto a mano va bene su un sentiero largo, un carretto a traino animale richiede almeno una strada bianca. I veicoli possono caricare più merci diverse, perciò serviranno meno trasportatori per la rete di trasporto. Inoltre, aumentano la “produzione” della strada, consentendo a più merci di occupare lo stesso tratto. Questo aiuta anche a evitare ingorghi. Nella versione pre-Alpha corrente, si crea già un traffico pazzesco se non ci si occupa dell’infrastruttura 😎

D: Il gioco avrà una campagna per giocatore singolo?

Sì, ci sarà una campagna per giocatore singolo, ma non vogliamo ancora svelarne i dettagli. Posso offrirvi una panoramica sommaria, però: il continente di The Settlers ha subito un cataclisma e il giocatore dovrà guidare una nave e la sua tribù in un territorio sconosciuto e scoprire un gruppo di isole misteriose e inesplorate.

D: Puoi dirci qualcosa di più sui vari modi per vincere?

Ci sono 2 cose importanti da dire prima:

1. Le vie per raggiungere la vittoria sono profondamente connesse a tutti gli altri sistemi di gioco, non sono un sistema separato accumula-punti. Il giocatore dovrà tenere conto di ogni dettaglio e influirà sul possesso del territorio, dei coloni, degli edifici e delle merci.
2. Le strade per raggiungere la vittoria sono combinabili tra loro: il giocatore può scegliere di combinarle per creare la propria strategia, oppure concentrarsi su una sola via. Quale sia più opportuna dipende dalla conformazione della mappa, dalle risorse disponibili, dai nemici e dai loro punti deboli e di forza.

Poiché molti conoscono grossomodo cosa significa una vittoria militare in The Settlers, descriverò in maggiore dettaglio una delle altre opzioni: la via dell’onore.
Il giocatore può costruire uno o più campi da addestramento e assegnare un guerriero dell’arena che può essere addestrato per migliorare varie abilità. L’addestramento può trarre beneficio da varie merci, come alimenti o armi particolari prodotte in altre catene produttive.

Mentre addestra il guerriero (o i guerrieri), il giocatore può costruire un’arena: si tratta di un edificio piuttosto costoso che richiede materiali diversi, ma che esiste in varie dimensioni e può ospitare un numero di spettatori diverso.

Anche il luogo da scegliere per un’arena è importante, poiché influenza la durata del viaggio degli spettatori e quali aree della città beneficeranno o subiranno maggiormente gli eventi.

Infine, per sfidare un avversario, bisogna scegliere un territorio nemico, così l’arena invierà in quel luogo un messaggero che annunci il torneo, mentre un altro messaggero lo annuncia nell’arena della propria città.

Un guerriero dell’arena del nemico e molti spettatori di entrambi gli schieramenti viaggeranno per raggiungere l’arena, e questo, ovviamente, avrà un impatto significativo sull’economia di entrambi i giocatori… Conviene avere lavoratori e trasportatori aggiuntivi che prendano il posto degli spettatori, finché questi non tornano.

Infine, i guerrieri dell’arena si affrontano in duello e, a seconda delle loro abilità e allo stato del loro addestramento, forse vincerà il nostro. Gli spettatori inciteranno il loro eroe e il risultato darà loro più sicurezza… o gli farà perdere fiducia nei loro leader.
Gli spettatori torneranno a casa nell’area da cui sono venuti. Quelli sfiduciati protesteranno e potrebbero arrivare a scatenare una rivolta, che potrà essere affrontata in vari modi… Ma forse stiamo svelando troppi dettagli per ora.

Tuttavia, se scoppierà una rivolta, i coloni cambieranno il proprietario di una fortezza o di un castello (in maniera simile agli edifici del territorio nei primi giochi di The Settlers) e prenderanno con sé i loro edifici e le merci.

Dopo la rivolta, continueranno a lavorare, ma lo faranno per il loro nuovo leader.
Per noi è molto importante che quei nuovi modi per vincere siano collegati a molti altri sistemi di gioco per offrire una profondità maggiore e scelte interessanti.
Più avanti condivideremo maggiori informazioni in un post dettagliato nel blog.

D: Puoi condividere i primi dettagli sulla telecamera? Si potrà ingrandire e ridurre la visuale e avere il controllo completo della telecamera?

Il giocatore può ingrandire e avvicinare la visuale moltissimo, tanto da poter esaminare le procedure lavorative e le emozioni dei coloni con un dettaglio mai visto prima. L’allontanamento della visuale è limitato alla distanza alla quale è ancora possibile identificare le merci, poiché la mappa è stata migliorata per quei giocatori che preferiscono avere una panoramica più ampia. È anche possibile ruotare la telecamera a qualsiasi angolazione in modo da poter utilizzare qualunque prospettiva. Stiamo sperimentando anche uno scorrimento a “scatti” per far sì che brevi movimenti del mouse consentano un movimento rapido della telecamera. Secondo me, offre una sensazione migliore rispetto al semplice movimento.

D: Non mi sono mai piaciuti i quartieri di The Settlers 7. Come funziona nel nuovo gioco?

Nel nostro nuovo gioco non volevamo una segmentazione predefinita della mappa: tutto doveva essere dinamico. Gli edifici territoriali, come le torri, proteggono e annettono il territorio circostante, creando in pratica una specie di “quartiere invisibile”, un meccanismo che esiste sin da The Settlers 1. Nel nuovo gioco di The Settlers avremo qualcosa di molto simile. Però, come detto, è un sistema molto dinamico. Per esempio, ora il territorio viene anche esteso passo-passo dalle unità militari.

Speriamo di aver risposto alle domande più pressanti. Ovviamente, avremmo potuto aggiungere molto di più, ma vogliamo condividere ulteriori informazioni più avanti, e avere altre sessioni di domande e risposte come questa. Le troviamo divertenti e utilissime.

Continuate a inviarci le vostre domande usando i commenti più sotto.

Commenta per primo